Ottime notizie per il territorio del Baldo e della Lessinia!

La Regione Veneto ha ascoltato le istanze del territorio, in particolare delle zone montuose del Baldo, della Lessinia, della Valpolicella e della Valpantena!

La Regione ha stabilito che il cacciatore che abbatte un cinghiale
nell’ambito del piano di gestione e controllo
può utilizzarne i resti per l’autoconsumo.
Una risposta alle richieste del territorio.

 

 

Autoconsumo cinghiali, Giorgetti soddisfatto
Un primo passo era stato fatto nel 2019, quando il Consiglio regionale del Veneto, su proposta del vicepresidente Massimo Giorgetti (esponente veronese di Fratelli d’Italia), aveva inserito un emendamento, poi approvato, al Documento economico di finanza regionale per la possibile eradicazione degli animali nocivi come il cinghiale dalla Lessinia e dal Baldo.

Ma finora la caccia di selezione imponeva diversi paletti ai controllori che operano secondo il piano regionale approvato dall’Ispra, tra cui gli orari e i centri di raccolta nei quali portare gli ungulati una volta abattuti.

“Che gli operatori siano ora autorizzati, al pari dei cacciatori, a gestire in proprio la carcassa è un ulteriore passo avanti verso la limitazione della presenza di questi dannosi animali”.

Giorgetti accoglie con favore la notizia del sì della Regione Veneto all’autoconsumo dei cinghiali abbattuti senza più l’obbligo di passare dai macelli autorizzati.

“I cinghiali si sono moltiplicati e infestano il territorio, rovinando i pascoli e attaccando altri animali, talvolta addirittura persone”, commenta il consigliere veronese.

“L’anno scorso ho presentato un emendamento al Defr come misura per la loro eradicazione e da tempo insisto che servono azioni forti, per esempio la caccia notturna con dispositivi come il visore notturno, che permetterebbe di ottenere risultati concreti nell’immediato. Non va perso altro tempo, a maggior ragione quest’anno in cui l’emergenza sanitaria ha spinto molti cittadini veronesi verso un turismo di prossimità e a frequentare le zone della Lessinia e l’area del Baldo”.

 

Fonte, TGVerona 21/08/2020

 

 


CINGHIALI CACCIATI E MANGIATI, C’E’ L’OK – L’Arena